MERE : UNA FIABA NELLE CELLULE DELLA TERRA

MERE : UNA FIABA  NELLE  CELLULE  DELLA  TERRA

UNA FIABA  NELLE  CELLULE  DELLA  TERRA

    da MERE e SATPREM e prima da Aurobindo

"La coscienza comune
vive in un'irrequietezza continua: ad accorgersene c'è di che prender spavento!
...Quando ce ne accorgiamo viene da chiedersi come mai non diventino tutti pazzi;
e che non lo diventino è già una grazia!" ( Mère 1966)

"...Ed è lo stesso per
tutto: gli avvenimenti mondiali o gli sconvolgimenti della Natura o dell'uomo,
i terremoti e le inondazioni, le eruzioni vulcaniche oppure le guerre e le
rivoluzioni, le persone che si ammazzano senza neanche sapere perché,
dappertutto gli uomini sono spinti da qualcosa: dietro quell' " irrequietezza "
c'è una volontà di disordine che cerca d'impedire l'instaurarsi dell'armonia.
Succede negli individui, nelle collettività e nella Natura." ( Mère 1966)

SATPREM  " Il Cambiamento di vibrazione"

"Il miracolo della
terra che prende il posto della Menzogna .

E se succedesse a
livello collettivo? Se  milioni di
giovani voci che ne hanno abbastanza della vecchia terra di menzogna e delle
sue grigie file in attesa di conseguire il diploma del vecchio modo di morire,
se d'improvviso quelle voci chiare lasciassero battere il proprio cuore, si lasciassero
gonfiare il petto di un'aria leggera e gridassero NO, non ne vogliamo più
sapere !?

Tutte quelle cellule,
liberate di colpo dal loro ipnotismo.

"Quando? Quando?"
chiedeva la voce della terra." (Satprem 1981)

MERE "Penso che avverrà
quando ci sarà un numero sufficiente di persone a sentire che non può essere
assolutamente altrimenti. Bisogna che tutto quello che è esistito e che ancor
oggi esiste, appaia un'assurdità che non può durare, a quel punto, potrà
succedere; ma non prima. Nonostante tutto verrà il momento in cui succederà,
verrà un momento in cui il movimento si ribalterà in una nuova realtà. Già c'è
stato un MOMENTO. Un momento quando sulla terra ha potuto manifestarsi l'essere
mentale. E verrà un MOMENTO in cui la coscienza umana si troverà in uno stato
sufficiente perché vi possa penetrare e manifestarsi una coscienza sopramentale.
Non è che tutto si allunghi come un elastico, no: ma un bel momento, succede.
Anzi può succedere in un lampo." (Mère 1955)

SATPREM "Allora tutto
ci cadrà dalle mani: le nostre penne e le nostre leggi, la nostra scienza e il
nostro futuro di murati vivi. Un'immane risata gonfierà il petto della terra e
ci saremo!

Ma perché non già
adesso? E quelli che sono già morti resteranno stecchiti. Un'apocalisse, si,
sorridente. Mortale per i morti e leggera per i sempre vivi. Una fiaba nelle
cellule della terra." (Satprem 1981)